Scuole Pellico e Nigra, al via i lavori di manutenzione straordinaria

Gli interventi dell’importo di 500mila euro per l’elementare “Nigra” e di 800mila euro per la media “Pellico” sono finanziati con mutui accesi dalla Regione

Nelle scuole primaria “Silvio Pellico” in via Madama Cristina 102 nella Circoscrizione 8, e secondaria di primo grado “Costantino Nigra” in via Bianzè 7 nella Circoscrizione 4, si svolgeranno lavori di manutenzione straordinaria e di riqualificazione edilizia.

A tal proposito la Giunta comunale ha approvato le delibere proposte da Mariagrazia Pellerino, assessora alle Politiche educative della Città di Torino. I lavori nella scuola “Silvio Pellico” sono finalizzati al consolidamento di una parte della struttura, mentre per l’edificio di via Bianzè gli interventi riguarderanno il ripristino dei solai.

Gli interventi dell’importo di 500mila euro per l’elementare “Costantino Nigra” e di 800mila euro per la media “Silvio Pellico” sono finanziati con mutui accesi dalla Regione Piemonte e finanziati con fondi del Miur attraverso la Banca Europea per gli Investimenti (Bei).

I progetti sono stati inseriti nel Programma Triennale 2015-2017 e il Servizio di Edilizia scolastica ha già provveduto alla progettazione e alla gara, pertanto i lavori inizieranno alla fine di aprile. “Un segno tangibile dell’attenzione che la Città riserva alla sicurezza scolastica – ha precisato Pellerino -.  Due nuovi interventi resi possibili dai fondi messi a disposizione dal Miur”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • La "deviazione" costa oltre 10mila euro: multato un camionista diretto a Torino

Torna su
TorinoToday è in caricamento