rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Compra un’auto da 260mila euro, non paga le rate e prova a rivenderla con documenti falsificati

Un 51enne di Torino individuato dai poliziotti del commissariato di Genova Nervi

Ha acquistato tramite leasing una Lamborghini del valore di circa 260mila euro, non ha pagato nemmeno uno dei 60 canoni previsti e poi ha cercato di rivendere l'automobile che è finita nelle vetrine di un autosalone ubicato tra Antibes e Nizza. A finire nei guai è stato un commerciante di 51 anni di Torino, secondo quanto accertato dal commissariato di polizia di Genova Nervi a seguito delle indagini nell'ambito di una vicenda iniziata nell'ottobre del 2019.

Quando l’agenzia creditrice si rivolge a una società di recupero crediti e beni, il responsabile della società di recupero crediti si rende subito conto che il commerciante torinese non ha alcuna intenzione di pagare i canoni né tantomeno di restituire il veicolo e si rivolge agli uomini del commissariato di Nervi per sporgere la relativa querela per appropriazione indebita aggravata con richiesta di sequestro del veicolo.

Gli investigatori della sezione di polizia giudiziaria, dopo aver scoperto che il 51enne è già noto alle forze dell'ordine, iniziano la ricerca della Lamborghini localizzandola in Francia. A quel punto, grazie alla collaborazione della Gendarmeria francese, gli investigatori di Nervi scoprono che il veicolo era stato posto in vendita, con tutti i documenti di circolazione e proprietà falsificati, in un autosalone ubicato tra Antibes e Nizza.

Mediante la cooperazione europea tra le forze dell’ordine, il veicolo è stato posto sotto sequestro dai gendarmi e riconsegnato ai poliziotti del commissariato Nervi i quali hanno provveduto alla riconsegna dell’auto alla società di leasing. Il 51enne è stato messo a disposizione dell’autorità giudiziaria del Tribunale di Torino.

L'intera vicenda su Genovatoday.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Compra un’auto da 260mila euro, non paga le rate e prova a rivenderla con documenti falsificati

TorinoToday è in caricamento