Vallo Torinese, narcotizzato e rapinato da finti agenti immobiliari

I due balordi gli hanno rubato 500 euro, la Panda e le chiavi dell’appartamento di via Santa Giulia a Torino

Pensava di aver trovato gli acquirenti per la sua casa di campagna, a Vallo Torinese, invece è caduto nella trappola di due banditi che l’hanno sequestrato e narcotizzato lasciandolo privo di sensi sul pavimento di casa.

L’altro pomeriggio un 79enne torinese riceve una telefonata nella sua casa di via Santa Giulia, a Torino. Dall’altra parte del filo c’è un uomo che dice di essere un agente immobiliare di Cuneo: “Sono stato informato della vendita del rustico da un amico, se è d’accordo, domani vengo a vederlo”. Il pensionato, che di quella casa da alienare aveva parlato solo ad un conoscente senza interessare nessuna agenzia immobiliare, fissa comunque un appuntamento per il giorno dopo. A Vallo il proprietario incontra le due persone davanti alla chiesa e le porta a vedere la casa.

Il tour dell’immobile dura poco. Improvvisamente uno dei due finti clienti blocca le braccia del 79enne e l’altro gli schiaccia sulla faccia uno straccio imbevuto di una sostanza. L’uomo cade a terra sbattendo violentemente la testa. Si risveglierà solo due ore dopo, stordito e dolorante, con brividi di freddo. Nel giro di poco il pensionato si accorge che i due balordi gli hanno rubato 500 euro, la Panda e le chiavi dell’appartamento di via Santa Giulia. Dopo un quarto d’ora lo chiama sul telefonino cellulare il suo vicino di casa di Torino che lo avverte: “Guarda che ti è scattato l’allarme”.

E proprio il suo vicino del sesto piano – che aveva pure chiamato i soccorsi pensando che il 79enne stesse male - vede chiaramente i due uomini che scappano gettandosi a rotta di collo giù per le scale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini sono affidate ora ai carabinieri del nucleo operativo di Venaria e di Lanzo. La vittima, una volta superato lo shock, ha tracciato il profilo dei due banditi e aggiunto: "Erano ben vestiti, educati e parlavano italiano senza nessuna inflessione dialettale”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Piemonte centri commerciali chiusi il sabato e la domenica (tranne gli alimentari)

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Incidente a Torino, auto finisce contro un palo: morta donna dopo l'urto violento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento