menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Ladre in trasferta, il proprietario dell'alloggio fa arrestare tre donne

Una è evasa dagli arresti domiciliari ed era alla guida senza patente

Arrestate dai carabinieri della compagnia di Bra, in flagranza di reato per tentato furto, tre donne di etnia rom domiciliate nel campo nomadi di strada Aeroporto a Torino. Le ladre, di 19, 40 e 21 anni, tutte pluripregiudicate per reati contro il patrimonio, hanno cercato di introdursi nell'abitazione situata in una zona centrale di Bra. 

Le donne hanno colpito in pieno giorno: mentre una faceva da palo aspettano in auto, le altre due dopo aver suonato il campanello, per accertarsi che nessuno fosse in casa, avevano appena iniziato ad armeggiare con gli arnesi da scasso sulla porta quando il legittimo proprietario, presente in casa, le ha sorprese e messe in fuga. 

L'uomo è riuscito ad annotarsi la targa dell'auto, una Volkswagen Polo, a bordo della quale le ha viste fuggire e ha allertato immediatamente la centrale operativa dei Carabinieri fornendo dettagli significativi per l’identificazione. Grazie al dispositivo dei carabinieri predisposto sul territorio, le tre sono state intercettate - dopo pochi minuti- in un distributore di carburante dove si erano fermate, con l'auto segnalata, per fare rifornimento. 

Dal successivo controllo è risultato che una di loro non avrebbe dovuto essere a Bra poiché era evasa dagli arresti domiciliari che stava scontando nel campo nomadi di residenza, proprio per reati contro il patrimonio. Infine, la stessa è risultata essere alla guida dell'auto senza aver mai conseguito la patente. Tutte e tre le donne, dopo essere state arrestate, sono state trasferite in carcere a Torino a disposizione dell'autorità giudiziaria.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento