Ruba i fiori dalle tombe delle vittime della ThyssenKrupp, sorpresa dai parenti

Una 74enne è stata denunciata dalla polizia locale dopo un parapiglia. I familiari da qualche giorno denunciavano ammanchi sulle lapidi

Le tombe delle vittime della ThyssenKrupp al cimitero monumentale

Rubava i fiori dalle tombe delle vittime del rogo della ThyssenKrupp per farne mazzetti propri, probabilmente da mettere sui sepolcri dei propri cari.

Per questa ragione una 74enne italiana di Leini è stata bloccata prima dagli stessi parenti degli operai rimasti uccisi, poi dai sorveglianti del cimitero monumentale di corso Novara, dove sono sepolte cinque delle sette vittime, e infine dalla polizia locale, che l'ha denunciata anche per il rifiuto di dire le proprie generalità.

Gli ammanchi si stavano verificando già da diversi giorni e sono stati proprio i familiari dei caduti nella tragedia a tenere alta l'attenzione su quando accadeva nella zona delle lapidi dei loro parenti.

Intorno alle 13 di ieri, mercoledì 17 maggio 2017, l'anziana è stata vista da uno di loro mentre armeggiava vicino alle tombe. Ne è nata subito una discussione verbale e poi un parapiglia, con la necessità di fare intervenire prima i sorveglianti e poco dopo le forze dell'ordine.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

  • Bagnet verd, la tipica salsa piemontese: assaggiatela coi tumin

  • Come combattere la piaga dei punti neri

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Gravissimo incidente in autostrada: un morto e sei feriti, tratta chiusa tre ore

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento