Ragazza investita da treno in stazione, è morta

La circolazione prosegue

Il treno che ha investito la donna

Una ragazzina di 15 anni, Beatrice Inguì di Rivoli, è stata investita mortalmente da un treno nella prima mattinata di oggi, mercoledì 4 aprile 2018, alla stazione di Porta Susa.

L'incidente è avvenuto alle 7.04 al binario 4. Un treno regionale Torino-Milano, che ha travolto la persona, è bloccato e i passeggeri sono stati fatti scendere dal personale di Trenitalia, mentre la circolazione prosegue regolarmente ed è stata dirottata sugli altri binari.

La giovane è stata estratta da parte di vigili del fuoco e sanitari della Croce Verde ma ogni manovra di rianimazione si è rivelata vana.

Sul posto, per i rilievi del caso, anche la polizia ferroviaria. Al momento tutto lascia pensare che si sia trattato di un incidente. Le testimonianze, infatti, dicono che Beatrice era girata di spalle, evidentemente troppo vicina ai binari, e il suo zaino è stato agganciato dal convoglio.

La giovane si trovava in stazione con una scolaresca. Era una studentessa di pianoforte e oboe nel Liceo Musicale di Vercelli era insieme ad alcuni compagni di scuola e ad alcune insegnanti. Tutte le mattine il piccolo gruppo della scolaresca parte da Torino per raggiungere l'istituto e anche oggi sarebbe dovuto andare tutto così. Invece, la tragedia.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Sbanda con l'auto e finisce contro il guardrail: morta una donna

  • Precipita dal quarto piano mentre fa lavori in casa: morto dopo l'arrivo in ospedale

  • Moto trovata in un fosso a bordo strada: centauro morto nonostante i soccorsi

  • Perde il controllo dell'auto che invade la corsia opposta: scontro frontale, ragazzo grave in ospedale

  • Abbandona un sacco lungo la strada: “pizzicato” dalle telecamere e sanzionato dai vigili

Torna su
TorinoToday è in caricamento