menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scopriamo i quartieri: intervista a Marco Novello, presidente della Circoscrizione Dieci

Marco Novello, in carica dal 2011, è stato recentemente eletto coordinatore dei presidenti di Circoscrizione. Analizziamo con lui alcuni problemi delle Circoscrizioni e di Mirafiori Sud

Mirafiori Sud è la Circoscrizione con meno abitanti di Torino: sfiora appena i 40mila abitanti. Ultimo quartiere di Torino ad essere stato edificato (se si esclude il borgo storico di Mirafiori, già esistente nel Seicento), Mirafiori Sud è una periferia tranquilla, divisa in due tronconi da corso Unione Sovietica. Marco Novello, il presidente della Dieci, è in carica dal 2011: recentemente è stato eletto coordinatore dei Presidenti di Circoscrizione.

Di quali cose si sta occupando come coordinatore dei presidenti?

Tra le prime, fare approvare una proposta di deliberazione al consiglio comunale che indica delle linee guida per le riforme del decentramento. Servono infatti delle competenze ben definite e dei capitoli di bilancio certi. L’esempio da prendere è Roma, dove il presidente della municipalità viene eletto dai cittadini, a sua volta nomina una giunta che, con capacità deliberativa, può gestire un bilancio autonomamente.

Oggi invece cosa avviene?

Attualmente ci sono sovrapposizioni di competenze. Un esempio è la viabilità: il centro si occupa di quella principale (ad esempio: corso Unione Sovietica), mentre la Circoscrizione di quella secondaria (ad esempio: via Pavese).

Senza contare che le Circoscrizioni non navigano nell’oro: i presidenti avevano scritto anche una lettera al sindaco in merito.

Sì, i presidenti del Pd avevano scritto una lettera al sindaco per dire che con i tagli previsti il loro bilancio di sarebbe affossato. Il taglio alla fine non aveva avuto le dimensioni ipotizzate. È pur vero, però, che nel solo 2013 abbiamo avuto un taglio di circa 600mila euro, il che significa il grossomodo il 9% del bilancio.

In questa situazione di crisi economica, nella Circoscrizione sono segnalate situazioni di particolare emergenza, soprattutto sul campo della sicurezza?

Da dati statistici risulta che Mirafiori Sud ha una notevole estensione territoriale, ma un numero di abitanti molto piccolo: meno di 40mila. L’incidenza della criminalità è dunque inferiore rispetto alle altre Circoscrizioni. Ci sono ancora – è vero – delle sacche di criminalità, come lo spaccio, o furti di rame e di tombini: noi siamo comunque in contatto con la locale stazione dei vigili urbani, con la quale lavoriamo ogni giorno.

Il reato più comune?

Credo che siano le truffe. Abbiamo tentato di fare delle opere, con incontri con gli anziani, e sono stati degli appuntamenti che si sono rilevati molto utili.

Nonostante la crisi, però, il lavoro di riqualificazione della Circoscrizione prosegue.

Sì: tra le ultime opere, c’è la trasformazione di strada Comunale di Mirafiori, che è stata lastricata e restaurata. Un modo per valorizzare un patrimonio storico (l’antico borgo di Mirafiori) che è di tutti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento