Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca

Uber, raffica di sanzioni dei civich: "Il posto di blocco è stato un vero assalto"

Secondo la testimonianza del driver di UberPop sanzionato, il controllo da parte dei civich sarebbe stato una vera e propria imboscata: "Il loro mezzo non era neppure riconoscibile"

Altri due conducenti Uber fermati e sanzionati dalla Polizia Municipale per esercizio abusivo della professione. Il primo, a bordo di una Opel Corsa, fermato in corso Siracusa e il secondo, alla guida di una Fiat Freemont, in corso Sicilia.

Controlli sempre più a tappeto, da parte dei civich, soprattutto dopo il task force predisposto da Palazzo Civico a seguito delle proteste avvenute nei giorni scorsi da parte dei tassisti torinesi. Una guerra vera e propria che si gioca su molti fronti. E se da una parte i conducenti delle auto bianche - con tanto di appoggio da parte delle istituzioni - mirano a oscurare la app californiana Uber Pop, dall'altra i driver cossiddetti "abusivi", non mancano di esprimere le loro considerazioni.

"Il posto di blocco è stato un vero e proprio assalto - ha raccontato il driver Uber fermato in corso Sicilia -. Il mezzo dei civich non era neppure riconoscibile in quanto sprovvisto della dicitura 'Polizia Municipale' sulla fiancanta del furgone".

Il driver UberPop parla di una vera e propria imboscata che - sempre secondo le sue dichiarazioni - sarebbe stata organizzata a tavolino. "Il furgone dei vigili era totalmente nascosto, peraltro in una zona dove vi è pochissimo traffico", ha continuato il conducente sanzionato.

Controlli e polemiche seguono, inoltre, un'importante decisione presa dal giudice di pace di Torino che, trovatosi a decidere sul ricorso presentato da un driver sanzionato, ha dato ragione allo stesso conducente UberPop, considerandolo "non abusivo" in quanto il servizio stesso, che si basa su nuove tecnologie, risulterebbe al momento sprovvisto di una specifica disciplina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uber, raffica di sanzioni dei civich: "Il posto di blocco è stato un vero assalto"

TorinoToday è in caricamento