rotate-mobile
Cronaca Barriera di Milano / Piazza del Donatore di Sangue, 3

Intervento da record al Giovanni Bosco, paziente operata per un raro tumore

Donna di 80 anni è stata dimessa dopo 12 giorni di degenza, senza finire in rianimazione. Pochissimi i casi della malattia

Eseguito con successo all'ospedale Giovanni Bosco all'inizio di giugno 2017 "il più complesso intervento di chirurgia addominale", la duodenocefalopancreasectomia.

A realizzarlo, su una paziente di 80 anni, è stata l'équipe di chirurgia generale diretta da Renzo Leli e composta da Tiziana Viora e Lorenzo Maganuco. La donna era affetta da una rarissima forma tumorale del pancreas.

L'intervento è durato nove ore ed è stato reso ancora più difficile dalle grosse dimensioni della lesione.

“La paziente - spiega Leli - aveva una massa di 20 centimetri di diametro che le invadeva l’addome superiore e che è risultata essere una variante rara della neoplasia mucinoso-cistica del pancreas di cui sono stati descritti pochissimi casi nella letteratura internazionale. E' stata trattata con successo, affrontando le molteplici difficoltà della chirurgia complessa, dell’età molto avanzata, della durata dell’intervento e della concomitante diagnosi di patologia rara, grazie all’esperienza che ci ha portati ad essere centro di riferimento per la patologia pancreatica, come attesta l’aumento dei volumi e della complessità dei casi che trattiamo qui al Giovanni Bosco".

La donna non ha avuto bisogno di ricovero in rianimazione nel postoperatorio ed è stata dimessa dopo 12 giorni di degenza.

La notizia è stata diffusa oggi, venerdì 16 giugno 2017, dall'ospedale in occasione del convegno Acoi di chirurgia pancreatica, organizzato per il secondo anno consecutivo al Giovanni Bosco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intervento da record al Giovanni Bosco, paziente operata per un raro tumore

TorinoToday è in caricamento