menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Folle corsa in contromano in via Pietro Cossa, fermato finto poliziotto

Ha tirato fuori un tesserino di polizia contraffatto e poi è fuggito: alla vista delle vere forze dell'ordine l'uomo, un 35enne, ha imboccato diverse vie contromano passando tutti gli incroci con il semaforo rosso

E' stato arrestato dopo un folle inseguimento in contromano lungo via Pietro Cossa, dopo aver importunato una ragazza di 25 anni in compagnia del suo fidanzato e aver estratto un finto tesserino di polizia completo di placca. Una mattina tutt'altro che normale quella di ieri a cui hanno assistito decine di passanti spaventati nel vedere quella Citroen C3 correre senza rispettare la segnaletica stradale e i semafori, inseguita e poi fermata dalla polizia.

Tutto è nato quando l'uomo, un 35enne italiano, ha cercato di conoscere una ragazza in via Messedaglia. Il fidanzato della giovane non è stato troppo contento delle avances e ne è nata subito una accesa discussione terminata nel momento in cui è stato tirato fuori un tesserino delle forze dell'ordine. La ragazza, non convinta della situazione, si è appuntata il numero di targa e il modello del veicolo su cui è successivamente salito il "poliziotto" e ha chiamato il 113.

Poco dopo la segnalazione della venticinquenne, alcuni agenti della Squadra Volanti hanno individuato il finto poliziotto in via Pietro Cossa. Appena l'uomo ha visto la volante si è dato alla fuga imboccando la strada contromano e passando con il semaforo rosso vari incroci fino a quando non sono arrivati rinforzi per la "vera" polizia che gli hanno sbarrato la strada. Dopo aver speronato la vettura delle forze dell'ordine, il trentacinquenne ha provato a scappare a piedi, ma è stato subito bloccato.

Oltre al finto tesserino addosso aveva un coltello con una lama lunga 8 centimetri e sette bussolotti in metallo di una pistola ad aria compressa ritrovata dentro l'auto. Nel vano portaoggetti c'erano ancora un berretto di lana celeste con due fori per gli occhi, un rotolo di nastro telato nero, un paio di occhiali da sole soft-air e una bottiglietta d'acqua modificata per fumare il crack che l’uomo ha ammesso di aver consumato nella mattinata.

Durante l'inseguimento tre agenti di polizia hanno riportato lievi lesioni. Il trentacinquenne è stato arrestato per i reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e possesso di segni distintivi contraffatti. Inoltre, è stato denunciato per il porto abusivo di arma e per aver omesso di denunciare la detenzione di armi e munizioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento