menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Fateci almeno dormire in pace", Villaretto chiede barriere contro i rumori della tangenziale

A dire dei residenti il Comune aveva già avanzato la promessa di una riqualificazione dell'area con provvedimenti atti a ridurre l'inquinamento acustico e ambientale che, tuttavia, non sono stati mai realizzati. Ora gli abitanti chiedono delle barriere fonoassorbenti

"Siamo dimenticati da tutti, il nostro è diventato un quartiere dormitorio e anche a dormire si fa fatica". Le lamentele sono quelle dei residenti di "Villaretto", zona limitrofa alla tangenziale nord nel tratto compreso fra l'uscita verso Caselle e il distributore di benzina denominato "Stura Nord". Un'area dove al problema dell'inquinamento acustico dovuto al passaggio delle auto si è aggiunto anche il problema del degrado e dei fumi tossici derivanti dai roghi del vicino campo rom. A preoccupare maggiormente i residenti è, tuttavia, l'impossibilità di convivere con il continuo rumore proveniente dalla strada sia nelle ore diurne che in quelle notturne. Una situazione che si protrae da oltre dieci anni e alla quale, finora, non è stata trovata soluzione. Che fare?

Gli abitanti di zona, dopo numerosi solleciti all'amministrazione, hanno raccolto oltre 400 firme e dato il via a una petizione popolare per incentivare Palazzo Civico a procedere all'installazione di barriere fonoassorbenti nel tratto della tangenziale nord prospiciente il villaggio del "Villaretto". Una promessa che, a dire dei firmatari, era già stata fatta dal Comune diversi anni fa, ma mai mantenuta. "Siamo stati ingannati sia dal Comune che dalla ditta costruttrice ACLI - racconta Lucia Biffaro -. Promettevano, per vendere le case nella zona, che sarebbe presto avvenuta una riqualificazione dell'area esposta all'odore della discarica di Germagnano, ai rumori della tangenziale, a prati con alberi e quant'altro che servisse per vivere adeguatamente alle altre zone di Torino. Invece la cosiddetta barriera anti rumore non è stata ancora installata. Anzi i rumori sono aumentati con la costruzione di un'altra strada di fianco alle case". 

Per i residenti è ormai giunto il momento di una soluzione definitiva. La richiesta è semplice: l'installazione - più volte promessa - di barrire fonoassorbenti in modo tale da ridurre, almeno, il problema dell'inquinamento acustico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento