Cronaca

Inquinamento: si tolgono le auto, ma il 49 per cento è causato dal riscaldamento

Il 49 per cento dell'inquinamento atmosferico è dovuto al combustibile utilizzato per riscaldare le proprie abitazioni. La soluzione ce la propone Greenovation

Oltre cinquanta giorni senza pioggia e l'inquinamento aumenta. Il problema sta diventando un grattacapo per molti, tanto da incentivare l'amministrazione a scegliere soluzioni alternative come i mezzi pubblici gratis o con biglietto a validità giornaliera come succederà i prossimi 26 e 27 dicembre.

Secondo studi dell'Arpa, tuttavia, il 49 per cento dell'inquinamento atmosferico non è causato dalle auto, ma bensì dal riscaldamento. Il patrimonio immobiliare italiano, infatti, risulta vecchio e per certi aspetti anche obsoleto, imponendo quindi un maggior consumo di combustibile per il riscaldamento. Soluzioni? Interventi mirati sulla propria abitazione che permetterebbero non solo di ridurre l'inquinamento, ma anche il consumo e quindi il denaro speso.

"Una soluzione potrebbe essere la sostituzione degli infissi o l'installazione di un sistema di insufflaggio - ci spiega Paolo Mottura di Greenovation -. Sostituire i vecchi scalda acqua con nuovi ad alta efficienza, lavorare sull'impianto condominiale installando un generatore a condensazione e delle valvole termostatiche per regolare la temperatura". Cambiare il proprio modo di concepire il riscaldamento della casa potrebbe essere una soluzione non solo per risparmiare, ma anche per inquinare di meno, riducendo di oltre la metà le emissioni atmosferiche.

Facile a dirsi, ma difficile a farsi, sembrerebbe. Eppure il portale Greenovation permette di farsi un'idea sulla nuova abitazione in pochi clic e in modo completamente gratuito. "In questo modo - conclude Paolo Mottura di Greenovation - i riscaldamenti inquinerebbero addirittura meno delle automobili".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento: si tolgono le auto, ma il 49 per cento è causato dal riscaldamento

TorinoToday è in caricamento