menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corso Unità, ingorghi assicurati: "Colpa della rotonda Maroncelli"

In corso Unità d'Italia le code sono all'ordine del giorno: la colpa è della rotonda Maroncelli, che nelle ore di punta si trasforma in uno snodo difficilissimo da superare

Corso Unità d’Italia come un’autostrada durante l’esodo estivo: code interminabili di veicoli, clacson strombazzanti, tanto rumore e nervosismo. Questa situazione è la normalità: in corso Unità d’Italia e corso Maroncelli gli ingorghi sono all’ordine del giorno, e il motivo è da ricercare nella grande rotonda che segna il confine con Moncalieri.

La rotonda Maroncelli costituisce uno dei più difficili snodi cittadini, che nelle ore di punta si trasforma in una grande strozzatura dalla quale uscire è un’impresa. Prima delle olimpiadi invernali del 2006 si era ipotizzato anche un sottopasso che collegasse con corso Trieste, per evitare gli incolonnamenti, ma l’opera non venne mai realizzata. “Quel sottopasso è utile  e dovrebbe essere realizzato – dichiara il consigliere del Pd alla Nove Cesare Carbonari, preoccupato dall’inquinamento prodotto da queste code di veicoli – siamo vicini ad un parco, quello di Italia ’61, nel quale giocano tanti bambini che devono così fare i conti con i gas di scarico”.

Ma il sottopasso non si farà mai, probabilmente. Problemi di soldi, come conferma il coordinatore della Circoscrizione Nove, Massimiliano Miano: “Purtroppo non ci sono risorse per realizzarlo, allo stato attuale, ma il problema delle interminabili code su corso Unità d’Italia potrebbe essere presto risolto. In concomitanza con la realizzazione del nuovo Palazzo del Lavoro è infatti prevista la creazione di una nuova corsia con uno sfiocco verso il benzinaio sul corso, per permettere un più rapido deflusso delle auto dalla rotonda”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento