menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In via Dina piove nelle case: bacinelle usate come ombrelli

Pierluigi, pensionato, da un mese è alle prese con una vera e propria pioggia nel proprio appartamento: "Colpa delle infiltrazioni". L'Atc: "Il palazzo non è interamente nostro, bisogna aspettare la prima assemblea di condominio"

MIRAFIORI NORD - Dover aprire l’ombrello per entrare in casa: accade a un pensionato, il signor Pierluigi Cissello, residente nelle case popolari di via Dina 52.

Da un mese in casa sua le infiltrazioni sono diventate così evidenti che il gocciolio ricorda in tutto e per tutto la pioggia che cade copiosa da qualche giorno; anzi, proprio da poco, causa le piogge abbondanti, in casa sua il signor Pierluigi è costretto ad arginare come può l’acqua che s’infiltra dal tetto.

Catini e bacinelle servono per evitare che l’acqua allaghi la casa, e bisogna svuotarle di continuo: “In questi giorni il problema è diventato sempre più evidente”, conferma il pensionato.

Da fine marzo Pierluigi attende che l’Atc si faccia viva per sistemare la situazione. “Telefono al numero verde ogni due giorni – afferma – ma niente, ottengo solo rassicurazioni. Intanto io rischio di ammalarmi, con questa umidità. Occorre urgentemente correre ai ripari”. Il problema è che le infiltrazioni, che in casa del nostro pensionato interessano bagno e androne, potrebbero esserci anche in altri appartamenti.

“Temo di non essere il solo”, conferma Pierluigi. E forse ha ragione: l’umidità si vede anche nella campata delle scale, con grosse chiazze che hanno già fatto staccare parte dell’intonaco. La situazione è dunque grave. “Bisogna intervenire urgentemente. Cosa aspettiamo, che il tetto crolli del tutto?” è lo sfogo di Pierluigi.

Parole che sono già arrivate all’Atc, che proprio ieri ha effettuato un sopralluogo sul posto, dal quale è emerso che il tetto è effettivamente da sistemare, perché malandato. Il problema, fanno sapere, è che questo condominio non è interamente di proprietà Atc: alcuni inquilini hanno infatti acquistato il loro appartamento tempo addietro. E così, per risolvere il problema, bisogna ricorrere ad un’assemblea di condominio, che deve deliberare la spesa per il rifacimento del tetto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento