rotate-mobile
Venerdì, 26 Novembre 2021
Cronaca Beinasco / Via Torino, 70

Morta nell'incendio di casa a Beinasco: indagato il legale rappresentante dell'azienda produttrice del frigorifero

Accertamenti sui materiali

La procura di Torino ha iscritto nel registro degli indagati, con l'ipotesi di reato di omicidio colposo, il legale rappresentante dell'azienda coreana di elettrodomestici Lg per la morte, in seguito a un incendio divampato il 27 giugno 2020 nel suo appartamento di via Torino a Beinasco, di Eliana Rozio, insegnante 46enne. I consulenti incaricati dal pm Elisa Pazé, che coordina le indagini, hanno accertato che, come era apparso dai primi rilievi, è stato il frigorifero prodotto da quella società ad andare in corto circuito. La scheda madre, però, è andata distrutta nell’incendio e servono ulteriori accertamenti per ricostruire l’accaduto. L'elettrodomestico era marchiato Ce, ma l'ipotesi è che qualche materiale con cui è stato costruito non fosse in regola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morta nell'incendio di casa a Beinasco: indagato il legale rappresentante dell'azienda produttrice del frigorifero

TorinoToday è in caricamento