menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cancello caduto a Porta Palazzo, si aggrava il bimbo ferito: indagati dirigenti comunali per lesioni colpose

Secondo gli ultimi accertamenti il cancello elettrico è fuoriuscito dalla sede di scorrimento e si è ribaltato a terra a causa dell'assenza del dispositivo di blocco. La manutenzione dell'area è di competenza comunale

Si sono aggravate ulteriormente le condizioni del bambino cinese di 6 anni che mercoledì mattina è stato travolto - insieme alla sorellina - da un cancello al mercato ittico di Porta Palazzo. Il piccolo, che ha già subito un'operazione a livello di bacino e femore poche ore dopo l'incidente, è stato ricoverato d'urgenza al reparto di rianimazione dell'ospedale Regina Margherita a causa di alcune lesioni interne a livello addominale.

Intato il sostituto procuratore Raffaele Guariniello al quale è stata affidata l'inchiesta ha iscritto nel registro degli indagati direttore, dirigente e funzionario del Servizio Infrastrutture per il Commercio e lo Sport del Comune di Torino: per loro il reato ipotizzato è di lesioni personali colpose. In seguito agli accertamenti effettuati in questi giorni dagli inquirenti è stato accertato, peraltro, che il cancello elettrico è fuoriuscito dalla sede di scorrimento e si è ribaltato a terra a causa dell'assenza del dispositivo di blocco che l'ha, quindi, fatto uscire dai binari comportando il cedimento dei cardini. Malgardo l'area sia utilizzata come spazio di servizio da una società privata, la manutenzione compete, invece, alla direzione dei servizi tecnici per l'edilizia pubblica, facente capo al Comune di Torino, verso il quale è da ricercarsi la possibile responsabilità in ordine all'accaduto.

Nel cedimento del cancello elettrico è rimasta coinvolta anche una bambina di appena 4 anni: avendo riportato solo lievi ferite, la piccola è stata dimessa dall'ospedale Regina Margherita nella giornata di ieri. Le condizioni del fratello, già piuttosto gravi, sono ulteriormente peggiorate nella mattinata odierna a seguito di alcune lesioni interne a livello del pancreas.

Mentre il proseguio delle indagini valuterà le possibili responsabilità dei dirigenti comunali, il sindaco Piero Fassino ha messo a disposizione della famiglia dei bimbi feriti - di origini cinesi - un mediatore culturale dell'ufficio stranieri per facilitare i rapporti con la struttura sanitaria.

“L’Amministrazione ha a cuore che le strutture che ospitano le attività commerciali e pubbliche siano sempre sicure per i cittadini - ha dichiarato l'assessore al Commercio a Palazzo Civico Domenico Mangone -. A maggior ragione seguiamo con attenzione costante lo sviluppo della vicenda che ha portato al crollo di un cancello a Porta Palazzo, ferendo due bambini, figli di due operatori del mercato".

Facendo riferimento ai dirigenti coinvolti ha aggiunto: "Sarà l’inchiesta a spiegare i dettagli dell’accaduto ricostruendo le fasi che hanno portato al crollo del cancello, l’accertamento delle responsabilità sarà preliminare a ogni azione volta a far sì che questo non debba più accadere. La cosa più importante ora è seguire le condizioni di salute dei bambini e la situazione della famiglia”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento