menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Malasosta, in città boom di sanzioni per le auto in doppia fila

Prosegue la politica contro la cattiva educazione alla guida. Appendino: "Il rispetto delle regole è necessario per garantire più sicurezza"

Boom di verbali nelle vie più trafficate di Torino. La politica attuata dall'amministrazione prosegue per la sua strada e comincia a dare i suoi risultati. I vigili urbani, istruiti a dovere contro la malasosta, sono particolarmente attenti, in queste ultime due settimane, in via Cibrario, via Madama Cristina, via Nicola Fabrizi e corso Giulio Cesare, dove cioè gli automobilisti più indisciplinati tendono ad abbandonare la vettura in doppia fila, creando disagi al traffico nonché situazioni che possono mettere in pericolo pedoni e ciclisti.

Solo per capire l'ordine di grandezza, esaminando i dati di un anno fa, in una strada, si è passati dai  3 verbali in una settimana a 33: una politica che crea sicuramente malcontento ma che - assicura la sindaca - darà i suoi frutti.

"La politica ha il dovere di lavorare per la sicurezza - ha dichiarato Chiara Appendino a margine del consiglio comunale aperto, dedicato alle vittime della strada - ed è solo rispettando le regole che si possono ottenere risultati, anche se il rispetto del conduce della strada spesso è recepito come qualcosa di fastidioso. È necessario attuare politiche coraggiose a volte. E noi il coraggio lo abbiamo, anche se i risultati non si vedranno nell'immediato".

Secondo i numeri forniti dall'Aci, i ciclisti morti sulla strada in Italia, sono aumentati -  dal 2000 al 2015 - del 40%  E, parlando di cattiva educazione alla guida, è di mercoledì la notizia dell'incidente occorso a un anziano in via San Secondo, travolto da uno scooter sulle strisce, il cui conducente aveva appena evitato un'auto parcheggiata in doppia fila. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento