Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca San Donato / Corso Mortara

Dieci incidenti in quattro mesi, riflettori sul sottopasso di c.so Mortara

L'opera è stata inaugurata solo un anno e mezzo fa e già fa parlare di sé per i troppi incidenti in moto. Il consigliere Boffa chiederà che vengano messi dei dossi artificiali per ridurre la velocità

Il 18 maggio 2012 in corso Mortara è stato inaugurato il sottopasso che collega la rotonda di via Orvieto e via Livorno con i corsi Borgaro e Potenza. Un'opera da 35 milioni di euro che ad un anno e mezzo di distanza diventa oggetto di discussione in Consiglio di circoscrizione a causa dei troppi incidenti motociclistici.

Dieci le brutte cadute negli ultimi mesi nel sottopasso intitolato a Carlo Donat Cattin. La causa sarebbe l'alta velocità e la scarsa forza aderente dell'asfalto. "Due amici motociclisti sono in condizioni tragiche - spiega Nico Marinelli, presidente dell'associazione 'Tre Merli Sotto Shock' -, altri otto con lievi contusioni. Chiediamo al Comune maggiore sicurezza, non vogliamo bikers morti".

Alla lotta per mettere in sicurezza il sottopasso più lungo di Torino, con quasi un chilometro e mezzo di asfalto, si è aggiunto il consigliere di circoscrizione Alessandro Boffa, da tempo sensibile alla causa degli incroci pericolosi per le due ruote. Porterà la questione in Consiglio, mettendolo all'interno di un ordine del giorno. La richiesta sarà precisa: mettere dei dossi artificiali all'ingresso delle gallerie in modo tale da ridurre la velocità a 30 chilometri orari.

Inaugurazione sottopasso di corso Mortara

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dieci incidenti in quattro mesi, riflettori sul sottopasso di c.so Mortara

TorinoToday è in caricamento