Cronaca Barriera di Milano / via Gottardo

Grido di dolore da Barriera: "I nostri gatti ammazzati dai pirati della strada"

I gatti che alloggiano nelle colonie feline di via Gottardo vittime degli incidenti stradali. A lanciare l'allarme è uno dei pensionati che si occupano della cura degli amici a quattro zampe

Travolti e ammazzati dai pirati della strada. Senza scampo a causa delle alte velocità. In dodici hanno perso la vita soltanto nell’ultimo anno, l’ultimo a metà della scorsa settimana. Non stiamo parlando di persone ma dei gatti della piccola colonia felina di via Gottardo. Mici che giorno dopo giorno stanno andando incontro ad una brutta fine. A spiegarci cosa succede nei pressi dell'ospedale San Giovanni Bosco è il signor Antonio Vercelli, uno dei residenti della zona che hanno preso a cuore le sorti dei gatti.

Secondo Antonio la colpa degli investimenti sarebbe da attribuire alla velocità folle degli automobilisti, complici di quel tratto di strada tra via Mercadante e via Monterosa non ben regolato dagli impianti semaforici. “Purtroppo non passa settimana che non assistiamo a qualche incidente – racconta dispiaciuto l’uomo -. L'ultimo aveva un anno o poco più e lo abbiamo trovato senza vita sull’asfalto. E continuando di questo passo non rimarrà neanche più un micio. Anche se non si tratta di persone ritengo sia opportuno fare qualcosa”. Nel mirino di chi gestisce le colonie felice c'è l’errata regolazione dei semafori posizionati davanti all’ospedale.

Le auto che transitano con la luce verde tra via Gottardo e via Mercadante tendono ad accelerare arrivando all’incrocio con via Monterosa a tutta birra. “A questo punto chiederemo alla circoscrizione Sei di riorganizzare gli impianti – spiega l'anziano -. In modo da costringere gli automobilisti a fermarsi per rispettare il semaforo rosso. Con questa soluzione, siamo convinti, perderemo molti meno gatti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grido di dolore da Barriera: "I nostri gatti ammazzati dai pirati della strada"

TorinoToday è in caricamento