Maxi-incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, uno ribaltato e due in fiamme

Quattro feriti in ospedale

L'incidente verificatosi questa sera

Grosso incidente nella prima serata di oggi, giovedì 6 agosto 2020, sulla tangenziale sud all'altezza dello svincolo di Stupinigi, nel comune di Nichelino. Coinvolti quattro veicoli, uno dei quali (una Dacia Duster) si è ribaltato in carreggiata e due dei quali (una Toyota Aygo e un'altra Dacia Duster) sono andati a fuoco. Il quarto veicolo, una Mercedes Classe C, è rimasto gravemente danneggiato.

Quattro persone sono rimaste ferite in modo non grave: due sono state trasportate all'ospedale Cto di Torino, altre due al Santa Croce di Moncalieri.

Il traffico in tutta la cintura sud, già duramente provata dai cantieri (in particolare dalla chiusura della variante del Dojrone), è rimasto completamente paralizzato. In direzione nord sono state chiuse tutte e tre le corsie di marcia, con passaggio esclusivamente in corsia d'emergenza. Nella direzione opposta, benché non si siano verificati incidenti, il traffico è stato a lungo congestionato. In direzione nord è stato chiuso lo svincolo di Stupinigi in entrata.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la polizia stradale di Torino e gli ausiliari dell'Ativa. Lunghissime code si sono verificate a causa delle chiusure, in particolare di sei chilometri in direzione nord.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento