Giovedì, 29 Luglio 2021
Incidenti stradali

Ragazza di 15 anni morta nell'incidente a Samone: il conducente dell'auto su cui viaggiava aveva bevuto

Valori vietati a un neopatentato: denunciato

La Bmw su cui viaggiava Danica Pop, morta nell'incidente

I carabinieri della compagnia di Ivrea hanno denunciato per omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza il 23enne romeno residente a Pont Canavese che era alla guida della Bmw che nel pomeriggio di domenica 31 gennaio 2021 è uscita di strada dopo un incidente stradale sulla pedemontana a Samone. Nello schianto, uno scontro frontale con una Smart, ha perso la vita Denisa Pop, 15enne romena di Castellamonte, che viaggiava sulla Bmw.

Dopo l'incidente, i due ragazzi nell'auto sopravvissuti all'incidente (l'altro è un romeno di 22 anni residente a Cuorgnè) si erano accusati a vicenda su chi fosse alla guida dell'auto. Gli accertamenti dell'auto hanno permesso di stabilire, mediante le tracce di sangue rimaste sull'airbag del lato del conducente, che si trattasse effettivamente del 23enne.

Quest'ultimo è stato sottoposto anche all'alcoltest da cui è risultato un valore di alcol nel sangue pari a 0,5 grammi per litro. Un tetto che sarebbe consentito per un normale guidatore ma che invece è vietato per un neopatentato (ossia con patente conseguita da meno di due anni), che secondo il codice della strada non dovrebbe bere neanche un goccio di alcol prima di mettersi al volante. Per questa ragione, oltre a essere multato pesantemente, al ragazzo è stata anche sospesa la patente.

La conducente della Smart, una 50enne italiana di Strambino, era in condizioni gravi ma poi è migliorata e i medici dell'ospedale Cto di Torino, dove era stata trasportata, hanno sciolto la prognosi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazza di 15 anni morta nell'incidente a Samone: il conducente dell'auto su cui viaggiava aveva bevuto

TorinoToday è in caricamento