rotate-mobile
Incidenti stradali

Uccise una ragazza travolgendo lei e il fidanzato col furgone: conducente furgone a processo

Ma cambia la sede

Va processo Maurizio De Giulio, il 52enne di Nichelino accusato dell'omicidio di Elisa Ferrero, pediatra di Moncalieri, e del tentato omicidio del suo fidanzato oggi 30enne rimasto per lungo tempo in ospedale. Il 9 luglio 2017 i due si trovavano in moto insieme a Condove e vennero investiti (volontariamente secondo l'accusa) alla rotonda del Gravio dopo un diverbio stradale. La ragazza morì sul colpo. Gli accertamenti successivi portarono a scoprire che l'investitore, che da allora si trova in carcere, era completamente ubriaco.

Dopo la richiesta di rinvio a giudizio formulata a inizio giugno 2018 dal pm torinese Paola Stupino, che ha coordinato le indagini dei carabinieri durante questi 11 mesi, il processo è stato trasferito a Milano con l'udienza preliminare fissata per il 2 luglio. Una zia della vittima, infatti, è un viceprocuratore onorario in servizio nel Tribunale di Torino e questo, secondo la legge, genera condizioni di incompatibilità. Ad accorgersene è stata la stessa procura torinese, che ha trasmesso gli atti per competenza.

Il nuovo pm incaricato di rappresentare l'accusa è Piero Basilone. De Giulio è difeso dagli avvocati Vittorio Nizza e Marco Moda.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise una ragazza travolgendo lei e il fidanzato col furgone: conducente furgone a processo

TorinoToday è in caricamento