rotate-mobile
Incidenti stradali Vallette

Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

Morto nell'incidente stradale

Un duro sul ring. Difficile da battere in qualsiasi disciplina affrontasse: grappling (dove aveva ottenuto un titolo italiano), kickboxing e anche pugilato tradizionale. Ma a casa era un papà dolcissimo per i suoi due figli, un maschio e una femmina.

Sabino Cannillo, morto a 42 nell'incidente stradale avvenuto sabato 13 luglio tra Piscina e Frossasco, era uno dei tanti ragazzi del quartiere Vallette diventati uomini. Era conosciuto e apprezzato da numerosissimi amici, che in questi giorni lo piangono sui social network.

Nella vita di tutti i giorni faceva l'operaio, ma la sua passione, come abbiamo detto, erano le arti marziali. Era un cultore della forma fisica e non passava giornata senza che si allenasse. Era il sogno di qualsiasi allenatore.

"A volte - scriveva lui su Facebook - nella vita bisogna affrontare cose che si pensa di non essere in grado di fare. Ma gli unici limiti esistenti sono quelli della mente. Oltrepassandoli tutto diventa realizzabile".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

TorinoToday è in caricamento