Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

Morto nell'incidente stradale

Sabino Cannillo, morto a 42 anni

Un duro sul ring. Difficile da battere in qualsiasi disciplina affrontasse: grappling (dove aveva ottenuto un titolo italiano), kickboxing e anche pugilato tradizionale. Ma a casa era un papà dolcissimo per i suoi due figli, un maschio e una femmina.

Sabino Cannillo, morto a 42 nell'incidente stradale avvenuto sabato 13 luglio tra Piscina e Frossasco, era uno dei tanti ragazzi del quartiere Vallette diventati uomini. Era conosciuto e apprezzato da numerosissimi amici, che in questi giorni lo piangono sui social network.

Nella vita di tutti i giorni faceva l'operaio, ma la sua passione, come abbiamo detto, erano le arti marziali. Era un cultore della forma fisica e non passava giornata senza che si allenasse. Era il sogno di qualsiasi allenatore.

"A volte - scriveva lui su Facebook - nella vita bisogna affrontare cose che si pensa di non essere in grado di fare. Ma gli unici limiti esistenti sono quelli della mente. Oltrepassandoli tutto diventa realizzabile".

Potrebbe interessarti

  • Pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

  • Ragnetti rossi, come eliminarli in modo naturale

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

  • Peperoncino: tutti i rimedi al bruciore

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Rimane appesa alla ringhiera del balcone poi cade nel vuoto: ragazza in gravi condizioni

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

  • Il re della pasticceria a Torino, Iginio Massari apre la sua "boutique"

Torna su
TorinoToday è in caricamento