menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marco Salvi aveva 24 anni, è morto nell'incidente in moto

Marco Salvi aveva 24 anni, è morto nell'incidente in moto

Addio a Marco, il ragazzo impegnato per la solidarietà e contro le discriminazioni

Morto nell'incidente in moto

Si terrà nel pomeriggio di domani, giovedì 23 maggio 2019, alle 15,30, nella chiesa di San Vincenzo de Paoli in via Milano a Settimo Torinese il funerale di Marco Salvi, il ragazzo di 24 anni morto lo scorso 14 maggio in un incidente stradale a Chieri.

"In ricordo di Marco - scrive su Facebook la sorella Irene, che il giovane lascia insieme ai genitori - abbiamo pensato di creare un fondo presso CISV, chi volesse può fare una donazione secondo il proprio sentire. Per maggiori informazioni potete scrivere a: promozione@cisvto.org o chiamare il numero 00393486130232. In memoria della sua passione per gli uomini e la terra abbiamo deciso di finanziare un progetto in Niger che sostiene le famiglie contadine e l'irrigazione dei loro campi".

Marco, infatti, era impegnato nel mondo della solidarietà a 360 gradi. Si batteva contro ogni forma di discriminazione e di razzismo, come testimoniano numerosi suoi post.

Amava il calcio e il basket. Era tifoso della Juventus e seguiva il campionato Nba, in particolare i Cleveland Cavaliers e i Golden State Warriors.

Il ricordo degli amici

"Hai iniziato a farci da responsabile e animatore - scrivono alcuni amici - quando tutti noi avevamo poco più di 13-14 anni, ma soprattutto da fratello maggiore. Nonostante c'erano così pochi anni di differenza tu e Alessio ci avete fatto cresce molto e ci avete sempre fatto ragionare con le nostre testoline. Non scorderemo mai la tua vivacità e la tua risata contagiosa, ciao Marco". 

"Ancora non riusciamo a capacitarci di tale avvenimento - scrive un'altra -, parlo al plurale poichè sto scrivendo questo messaggio a nome di tutti i suoi 'amici del pc'. Marco non solo era un compagno di giochi ma, più di tutto, era un amico e per noi questa è stata una grande perdita, difficile da superare. Facebook è il nostro unico mezzo per poter esprimere tutta la nostra vicinanza alla famiglia e alle persone a lui care, un forte abbraccio da parte di tutti noi. Ciao Alsaryion, ci rincontreremo dall'altra parte".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento