Incidenti stradali Giaveno

Addio alla vitalità di 'Fievel', maestro di giocoleria morto senza alcuna colpa

Vittima dell'incidente stradale

Per tutti era Fievel come il topo di famoso film d'animazione di metà anni '80 che non si perdeva mai d'animo. Allegro e pieno di interessi e di attività, campione di equilibrismo e giocoleria, non verrà mai dimenticato da chi ha passato del tempo (tanto o poco) con lui.

Federico Sperandio, 30enne di Giaveno, è morto nella notte di sabato 20 ottobre 2018 nel terribile incidente stradale avvenuto nella galleria Monte Cuneo, nella variante all'ex statale 589 di Avigliana.

Ha perso la vita senza alcuna colpa. Stava tornando a casa sulla sua Fiat Panda che è stata travolta da un'altra vettura che, per cause ancora da accertare (sono in corso i test etilometrici sul sangue del conducente, ancora ricoverato in ospedale), ha invaso la corsia su cui stava viaggiando.

Nella vita di tutti i giorni faceva l'eletricista con suo padre e si dilettava a fare l'artista di strada. Sovente andava in Giocolerizza a Torino dove si ritrovava con altri e si allenava. Il suo sogno era di trasformare questa attività in una professione.

Amava le impennate col ciclomotore, ma anche camminare sulla cosiddetta slackline, la fettuccia, la musica rock ma anche quella cantatorale italiana (Fabrizio De André su tutti), il movimento No Tav, Che Guevara e pure andare a vendemmiare durante l'autunno.

"Fievel Sperandio é un nostro amico, uno di noi, e ancora sembra impossibile pensare di tornare in Giocolerizza come se fosse tutto come prima...", lo ricordano gli amici dell'attività che lui era solito frequentare a Torino, che domani, martedì 23, celebrerà il giovane con un'iniziativa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio alla vitalità di 'Fievel', maestro di giocoleria morto senza alcuna colpa

TorinoToday è in caricamento