La tragedia di Fabio, morto tornando a casa dopo una visita medica: lascia i genitori e il fratello

Stava diventando amministratore condominiale

Fabio Schifano aveva soltanto 27 anni

Fabio Schifano, il ragazzo di 27 anni di Piossasco morto la sera di sabato 4 maggio 2019 nell'incidente avvenuto sulla provinciale 6, non distante da casa sua (abitava in via Battisti), era diplomato in ragioneria e lavorava nello studio di amministratore di condominio del fratello. Aveva appena ottenuto il patentino per potere svolgere questa professione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A casa ad aspettarlo c'erano il papà Onofrio e la madre Rosa Maria, che si sono poi precipitati sul luogo della tragedia, le cui cause restano ancora da accertare. Il ragazzo, infatti, era appena uscito dall'ospedale San Luigi di Orbassano dove si era recato a fare una visita medica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Fantomatico volantino di un (sedicente) papà: "Avete molestato mia figlia, vi sto cercando"

  • Tragedia nell'abitazione: donna trovata morta

  • Vanno a fare la spesa e lasciano il figlio chiuso in auto con 40 gradi: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento