Addio a Bruno, l'imprenditore amante della Harley e dell'avventura

Morto nell'incidente negli Stati Uniti

Bruno Di Cosimo, morto a 55 anni nell'incidente in Florida

Gli piacevano i viaggi, la Harley Davidson, vestirsi e vestire bene gli altri, il surf, la vela, lo snowboard e la bella vita. Ma era soprattutto un appassionato di suo figlio Lorenzo, che era diventato un modello professionista e lo accompagnava, insieme a sua moglie, anche nella sua avventura lavorativa nello Studio 41, atelier di moda di via Bligny 5.

Bruno Di Cosimo è morto insieme all'amico di mille viaggi Francesco Vitagliano nel terribile incidente avvenuto a Ocala, in Florida (Stati Uniti), il 13 giugno 2019.

Oltre a Paolo, l'unico a salvarsi in quella tragedia, e a Italo, un altro degli imprenditori che ogni anno attraversava con loro gli Stati Uniti sull'immancabile Harley, sono in molti a ricordarlo. Faceva anche parte del Rotary International ed era un amante della vita on the road. In passato aveva anche corso la Marathon des Sables, l'affascinante corsa nel deserto nel sud del Marocco.

"Papà - scrive il figlio su Instagram - in questi giorni veramente difficili ti dico con gioia e grande affetto: 'Tu sei davvero un papà speciale. Sarai sempre nel mio cuore'".

"Non è ricco chi ha tanti soldi, ma chi si gode la vita", è una delle frasi postate sul suo profilo Instagram. Qui sotto una sua foto abbracciato all'amato figlio Lorenzo.

lorenzo+bruno-di-cosimo-190613-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • Perde il controllo dell'auto, colpisce un'altra macchina e finisce contro il muro: due feriti

Torna su
TorinoToday è in caricamento