Il triste addio di tanti amici a Tony e alla sua giovialità: "Ci mancherai, eri magico"

Morto nell'incidente in moto

Antonio 'Tony' Todarello aveva 45 anni

In questi giorni la bacheca del profilo Facebook di Antonio Todarello, per tutti Tony, il barista 45enne di Carmagnola morto nell'incidente avvenuto in tangenziale a Moncalieri nella mattinata di mercoledì 19 agosto 2020, si è riempita di centinaia e centinaia di messaggi di cordoglio.

In attesa di stabilire quando sarà il funerale, che verosimilmente vedrà la partecipazione di una folla di suoi amici, sono in tanti a ricordare la sua giovialità ma anche la sua preparazione in moto: è stato lui a insegnare a molti altri come si va sulle due ruote e anche per questo nessuno si spiega cosa possa essere successo nell'incidente.

Todarello era il titolare del bar TT di piazza Maestri Cordai 33 in zona San Bernardo. a Carmagnola. Quel luogo era anche un ritrovo abituale di motociclisti e spesso era il punto di partenza dei giri dei gruppi di bikers.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ricordo dei suoi amici

"Ora il tuo messaggio audio del mattino non arriverà piu... E ci mancherà", scrive una sua amica. "Tu eri magico... - aggiunge un'altra -, lo dicevamo sempre. Tu non guidavi, tu disegnavi la strada... Ogni curva era una pennellata. E noi siamo sempre stati lì, vicino a te, ruota su ruota come fossimo una cosa sola. Sempre insieme. Quante volte ci hai fatto venire i brividi, ma il rischio tu lo scansavi così... Con un sorriso, perché eri magico! Ed eri magico in tutto, non solo in moto. Con te ci sentivamo tutti al sicuro. Tu trovavi una soluzione per ogni cosa. Tu avevi sempre un sorriso per tutti. Avevi un cuore grande. E per noi ci sei sempre stato, sempre". "Abbiamo passato belle serate - aggunge un terzo, suo vicino di casa -. dal bar o a casa a giocare a carte, al sabato mattina a calcetto dove era impossibile starti dietro: mi facevi sempre correre come un pazzo... al nostro matrimonio dove volevo che mi portassi tu in moto fino in chiesa. Ora chi ci sveglierà la domenica mattina con la musica a tutto volume.., ci mancherà il tuo sorriso... ciao amico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Omicidio-suicidio: uccide la moglie che si stava separando da lui e poi se stesso

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Suv impazzito travolge cinque pedoni davanti a un déhors: morta una donna

  • Blocchi auto per 37 comuni dal 1 ottobre 2020: varato il regolamento

  • La porta di casa è bloccata e la proprietaria non può entrare: la polizia trova un uomo che dorme all'interno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento