“Un giramondo innamorato del suo lavoro”: addio a P’ink, il tatuatore morto in un incidente

Classe 1978, nato a Torino, Pietro Romano da qualche anno si era trasferito a Manerbio

 Si faceva chiamare P'Ink, con l'apostrofo e due lettere maiuscole: P come Pietro, Ink come inchiostro. È Pietro Romano, 41enne originario di Torino, la vittima del tragico incidente di martedì pomeriggio a Offlaga (Bs), sulla Strada Provinciale che porta a Manerbio. Sarebbe uscito di strada da solo, a bordo della sua Renault Scenic, per cause ancora in corso di accertamento.

L'auto ribaltata e sommersa nell'acqua

Sono stati alcuni automobilisti di passaggio ad allertare il 112: Pietro era rimasto incastrato nell'abitacolo, con l'auto ribaltata finita in una roggia, e ormai per metà sommersa dall'acqua. Gli accertamenti medico-legali serviranno a capire se l'uomo sia morto a causa dei traumi oppure se invece sia annegato. A nulla purtroppo sono valsi i disperati tentativi di rianimarlo.

Sul posto la centrale operativa ha inviato l'automedica e un'ambulanza della Croce Bianca, in cielo era stato fatto volare anche l'elicottero, e poi i Vigili del Fuoco per liberarlo dalle lamiere, la Polizia Stradale per i rilievi. La salma è stata trasferita all'obitorio dell'ospedale di Manerbio, a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Un giramondo innamorato del suo lavoro

Classe 1978 e nato a Torino, Pietro Romano da qualche anno si era trasferito a Manerbio. Faceva il tatuatore, una professione di cui andava pazzo e che gli aveva regalato un po' di notorietà: con i suoi attrezzi del mestiere aveva girato il mondo, prima di trovare la sua “America” nella Bassa Bresciana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gestiva il negozio “Le Bateau Lavoir” di Piazza XX Settembre, in pieno centro: aveva clienti che arrivavano da tutta la provincia, e oltre. Amava definirsi “artista e tatuatore”, i suoi lavori sono finiti anche sulla pelle di qualche vip, modelle, imprenditori, personaggi dello spettacolo. Su Facebook un laconico commento, di chi collaborava con lui: “Pietro non c'è più. Se n'è andato oggi, in un brutto incidente. La sua arte e il suo ricordo continueranno a vivere con noi. Ciao Pietro, ti vogliamo bene”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Coronavirus: in Piemonte centri commerciali chiusi il sabato e la domenica (tranne gli alimentari)

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

  • Incidente a Torino, auto finisce contro un palo: morta donna dopo l'urto violento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento