rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Incidenti stradali Ivrea

Addio a Vilma, la cappellaia gentile investita mentre attraversava sulle strisce

Lascia il fratello

Per tutti era Vilma la cappellaia. Per 35 anni, infatti, Vilma Clerico, morta martedì 17 luglio 2018 dopo essere stata investita da un'auto sulle strisce pedonali in via Miniere a Ivrea, aveva gestito il negozio di vendita di cappelli di piazza di Città insieme al fratello Gian Domenico. L'attività era stata chiusa definitivamente nel 2001 quando i due decisero di andare in pensione.

E c'era proprio Gian Domenico, 74 anni, ad attendere Vilma, 81 anni, a casa in via Monte Ferrando anche martedì. I due, infatti, avevano scelto di vivere insieme gli ultimi anni della loro vita. I due avevano perso, nel 1994, una terza sorella, Maria Luisa, scomparsa prematuramente.

Tutti la ricordano come una donna minuta e gentile, sempre preoccupata alle esigenze dei clienti. Era una grande amante del calcio. Era iscritta al Torino Club di Ivrea (in molti la ricordano preparare i panini per le trasferte), ma aveva anche una predilezione per l'Inter, squadra amata in gioventù.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Vilma, la cappellaia gentile investita mentre attraversava sulle strisce

TorinoToday è in caricamento