Incidenti stradali

Gli amici piangono Sharon Germano, morta nell'incidente: "Addio al tuo carattere tutto pepe"

Aveva due grandi passioni: il ballo e le moto

Non si contano sui social i messaggi di cordoglio, di persone che la conoscevano ma anche di altre che si sono immedesimate nella sua tragedia e in quella dei suoi familiari, per la morte di Sharon Germano, la 31enne di Torino morta nell'incidente avvenuto in via Druento la mattina di giovedì 3 febbraio 2022, quando era stata travolta da un'auto. La giovane donna era laureata in scienze della formazioni e dal 2017 lavorava per un'azienda di telecomunicazioni. Era una grande appassionata di ballo e di moto, tifosissima di Valentino Rossi. "Il mio lato peggiore la spontaneità - scriveva su Facebook per descriversi -.Troppo vera per nascondermi, troppo ribelle per piacere a chiunque".

I ricordi di chi l'ha conosciuta

"Non ci posso credere, non mi sembra vero... Eri bella come il sole. Ci siamo divertiti tanto insieme... Solo ieri ci siamo sentiti. Sento ancora la tua splendida vocina... Una stella in più splenderà nel cielo.... Sarò sempre con te... La vita a volte e' davvero crudele... Ti ho voluto tanto bene... Tesoro bello...".

"Date valore alle persone quando ci sono. Ancora non riesco a crederci che non ci sei più, che non ce l'hai fatta! Quando mi hanno avvertito ho pensato 'mah no non sarà vero, voglio accertarmi'. Mi mancherà il tuo buongiorno,che mi mandavi tutte le mattine!".

"Quante risate insieme, gaffes indimenticabili! Il tuo caratterino 'tutto pepe', come dico io, mi resterà impresso sempre pensandoci. Non ci sono parole di conforto per poter accettare una cosa del genere, chi ti ha conosciuto sa che eri esattamente come ti descrivono: una ragazza sempre solare, sorridente e a modo ed è normale che tante persone siano ancora incredule a tutto questo... Non ho parole e porgo le più sentite condoglianze alla famiglia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli amici piangono Sharon Germano, morta nell'incidente: "Addio al tuo carattere tutto pepe"
TorinoToday è in caricamento