Travolta e uccisa dal tir, ma il mezzo non aveva il permesso per circolare

Divieto dove è avvenuto l'incidente

La scena dell'incidente dello scorso giovedì

Il 52enne di Scafati (Salerno) che giovedì 1 febbraio 2018 ha travolto e ucciso Giuliana Minuto col suo tir in corso Moncalieri non avrebbe potuto passare in quel tratto di strada in quanto era sprovvisto di permesso. E' quanto hanno accertato gli agenti della polizia locale nell'ambito dell'inchiesta per omicidio colposo sul decesso della donna, coordinata dal pm Lisa Bergamasco. L'autopsia, eseguita oggi, martedì 6 febbraio 2018, dal medico legale Giambattista Golé, ha confermato che la donna è morta sul colpo per il politrauma subito.

Secondo le norme di circolazione del Comune, il tratto di corso Moncalieri è vietato ai mezzi pesanti da piazza Zara fino alla Gran Madre, così come il tratto di corso Casale dalla Gran Madre a piazza Modena. Nel caso avesse dovuto passare da quella strada, il conducente del tir (o l'impresa per cui lavora) avrebbe dovuto chiedere l'autorizzazione all'amministrazione comunale, a cui però non è pervenuta alcuna richiesta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tir era arrivato da Nocera Inferiore (Salerno) a strada Valsalice per scaricare della carpenteria metallica. Il conducente ha detto di non essersi accorto di avere investito Giuliana Minuto. Dopo l'incidente è andato prima a Milano e poi è tornato a casa, dove il mezzo è stato individuato dagli investigatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pane, olio e altri beni primari con i prezzi gonfiati del 200%: denunciato titolare

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Cirio firma l'ordinanza: "Da lunedì i supermercati potranno vendere cancelleria"

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

Torna su
TorinoToday è in caricamento