menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La scena dell'incidente dello scorso giovedì

La scena dell'incidente dello scorso giovedì

Travolta e uccisa dal tir, ma il mezzo non aveva il permesso per circolare

Divieto dove è avvenuto l'incidente

Il 52enne di Scafati (Salerno) che giovedì 1 febbraio 2018 ha travolto e ucciso Giuliana Minuto col suo tir in corso Moncalieri non avrebbe potuto passare in quel tratto di strada in quanto era sprovvisto di permesso. E' quanto hanno accertato gli agenti della polizia locale nell'ambito dell'inchiesta per omicidio colposo sul decesso della donna, coordinata dal pm Lisa Bergamasco. L'autopsia, eseguita oggi, martedì 6 febbraio 2018, dal medico legale Giambattista Golé, ha confermato che la donna è morta sul colpo per il politrauma subito.

Secondo le norme di circolazione del Comune, il tratto di corso Moncalieri è vietato ai mezzi pesanti da piazza Zara fino alla Gran Madre, così come il tratto di corso Casale dalla Gran Madre a piazza Modena. Nel caso avesse dovuto passare da quella strada, il conducente del tir (o l'impresa per cui lavora) avrebbe dovuto chiedere l'autorizzazione all'amministrazione comunale, a cui però non è pervenuta alcuna richiesta.

Il tir era arrivato da Nocera Inferiore (Salerno) a strada Valsalice per scaricare della carpenteria metallica. Il conducente ha detto di non essersi accorto di avere investito Giuliana Minuto. Dopo l'incidente è andato prima a Milano e poi è tornato a casa, dove il mezzo è stato individuato dagli investigatori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento