Pazzo in strada a tutta velocità non rispetta il semaforo rosso e provoca un incidente, poi viene bloccato

Due automobilisti in ospedale

La scena dell'incidente avvenuta ieri sera

In fuga dalla polizia locale ha provocato un incidente e ha nuovamente tentato di scappare prima di venire definitivamente bloccato. L'episodio è avvenuto nella tarda serata di ieri, giovedì 10 gennaio 2019, tra corso XI Febbraio e lungodora Agrigento.

Protagonista dell'accaduto un italiano di 25 anni alla guida di una Bmw 118. Quando ha visto la pattuglia, il ragazzo, che trasportava in auto un altro giovane, ha finto di fermarsi, ma improvvisamente ha accelerato verso lungodora Agrigento, imboccandolo in direzione di corso Giulio Cesare. Arrivato all'incrocio, ha bruciato il semaforo rosso proprio mentre, in corso Giulio Cesare diretta verso il ponte Mosca, è sopraggiunta una Ford Focus. L'impatto tra i due veicoli è stato violento e ad avere la peggio sono stati i due occupanti di quest'ultima vettura, trasportati al pronto soccorso dell'ospedale Giovanni Bosco. Le loro condizioni, fortunatamente, non sono gravi.

La Bmw è invece ripartita ed è stata bloccata. Il 25enne è stato denunciato per fuga dopo incidente con lesioni e multato di 600 euro per le violazioni al codice della strada. La sua patente è stata ritirata dopo un taglio di 30 punti sempre per le infrazioni commesse. Il ragazzo non ha spiegato il perché della sua fuga alla vista della pattuglia.

incidente-pirata-strada-lungodora-agrigento-corso-giulio-cesare-190110-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Si lancia dal settimo piano del palazzo: morto

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo una giornata di sciopero: possibili disagi

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Suv si schianta contro un muretto: dopo gli accertamenti scatta il sequestro del veicolo  

Torna su
TorinoToday è in caricamento