Incidente in strada San Mauro, furgoncino travolge giovane centauro

Un ragazzo di 23 anni è finito all'ospedale dopo uno scontro con un altro mezzo. Il giovane, causa frattura al polso, ne avrà per trenta giorni

Prima l’impatto terribile e il volo sull’asfalto, poi la corsa in ospedale. Un grave incidente è avvenuto mercoledì sera intorno alle ore 18 in strada San Mauro. All’altezza di strada dei Biasioni un furgoncino, proveniente da lungo Stura, ha colpito Stefano N., un centauro di 23 anni che in quel momento stava percorrendo strada San Mauro in direzione del quartiere Regio Parco.

Il ragazzo è stato subito soccorso da un’ambulanza e trasportato dai sanitari all’ospedale San Giovanni Bosco. La prima diagnosi dei medici ha rilevato una frattura scomposta al polso sinistro. Per il centauro saranno almeno trenta i giorni di prognosi. Sul posto per gli accertamenti del caso è intervenuta la squadra infortunistica della polizia municipale.

Secondo una prima ricostruzione il furgone, nel tentativo di svoltare a sinistra in strada dei Biasioni, avrebbe tagliato la strada alla moto. “Bisogna vigilare sugli incroci pericolosi – racconta Nico Marinelli, presidente dell’associazione “Tre merli sotto shock” -. Alcuni nostri ragazzi sono intervenuti sul posto nel giro di pochi minuti, fornendo assistenza al ferito. Ma siamo stati fortunati, il giovane avrebbe potuto rimetterci le penne”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

Torna su
TorinoToday è in caricamento