Morta nello scontro frontale, figlia condannata per omicidio stradale

Pena più mite rispetto all'accusa

L'incidente del 12 agosto 2015 e la vittima, Gelsomina Vairo di Rueglio

Si è chiuso con una condanna a otto mesi di reclusione, con sospensione condizionale della pena, il processo ai danni della figlia di Gelsomina Vairo, la 78enne di Rueglio morta nello scontro frontale avvenuto sulla provinciale 69 a Lessolo il 12 agosto 2015.

Nella giornata di venerdì 23 febbraio 2018 il giudice del tribunale di Ivrea è stato più mite rispetto alla richiesta di un anno e due mesi dell'accusa, considerando anche la grave perdita affettiva che la donna, 51enne, ha avuto in seguito all'incidente. Questa non è comunque bastata a evitarle la condanna per omicidio stradale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambini investiti da un’auto: 3 finiscono in ospedale

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Trasporto pubblico locale, domani tram e bus si fermano per 4 ore

  • Tempo libero, cosa fare a Torino e dintorni sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Dal Torinese, il denaro veniva "ripulito" dopo un giro per il mondo: fratelli imprenditori nei guai

  • Nel garage nascosta la merce del noto supermercato: un denunciato

Torna su
TorinoToday è in caricamento