rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Incidenti stradali Vidracco

Morì con l'auto nel burrone, ma il guardrail era troppo basso: dirigente pagherà 60mila euro

Condannata a otto mesi

Il guardrail era troppo basso e ha provocato la caduta nel burrone dell'auto a bordo di cui si trovava il passeggero, che il 14 gennaio 2014 morì dopo un volo di 90 metri sulla strada provinciale tra Vidracco e Baldissero Canavese.

E' quanto ha stabilito, mercoledì 11 aprile 2018, il giudice monocratico Ludovico Morello del tribunale di Ivrea che, su richiesta del pm Chiara Molinari, ha condannato a otto mesi di reclusione per omicidio colposo e al pagamento di una provvisionale di 60mila euro la 53enne Sandra Beltramo, dirigente della Città Metropolitana di Torino, che all'epoca dei fatti era responsabile del settore viabilità.

A beneficiare della somma saranno i parenti della vittima era Luigi Cantella, 75enne di Vigevano che era alla guida di una Peugeot 206. Al momento, hanno precisato i loro legali, Raffaella Orsello e Gian Piero Ragusa, le assicurazioni non hanno versato loro neppure un euro per quanto accaduto. 

La pericolosità di quel tratto di strada, dove a proteggere il burrone c'era soltanto un cordolo alto 15 centimetri, era stata segnalata con alcune lettere dal sindaco di Vidracco, ma la Provincia non fece nulla fino a dopo l'incidente, quando intervenne con 12mila euro. In questo caso la funzionaria responsabile paga per tutti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morì con l'auto nel burrone, ma il guardrail era troppo basso: dirigente pagherà 60mila euro

TorinoToday è in caricamento