Schianto da Formula 1 contro il muro: conducente illeso, per fortuna non c'erano pedoni

Dieci giorni fa episodio analogo

L'Alfa Romeo Giulietta schiantatasi contro il muro ieri sera

Ancora piloti di Formula 1 a Virle. Dopo quanto accaduto la sera di martedì 12 maggio 2020, con un'auto che ha sfondato un muro della chiesa di Sant'Antonio Abate sulla provinciale per Vigone, poco prima della mezzanotte di ieri, giovedì 21, si è registrato un episodio del tutto analogo in via Carlo Alberto, vicino alla tabaccheria al civico 34.

Protagonista, questa volta, è stato il conducente di un'Alfa Romeo Giulietta che ha perso il controllo a causa dell'alta velocità ed è andato a schiantarsi contro il muro di una casa. Lui è uscito illeso dall'incidente ma, oltre ai danni dell'auto rimasta distrutta, dovrà pagare la multa che i carabinieri, intervenuti sul posto, gli hanno inflitto proprio per l'eccesso di velocità, non commisurata a quel tratto di strada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E tutto sommato è andata bene così, visto che in quel momento non c'era nessuno che passeggiava sul marciapiedi. Altrimenti le conseguenze dell'incidente sarebbero state ben più gravi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento