Cronaca

Persona sotto un treno, traffico ferroviario in tilt

Circolazione ferroviaria rallentata in mattinata per un problema tecnico e un investimento mortale

Immagine di repertorio

Sulla linea Torino - Novara dalle 10.10 è rallentato il traffico ferroviario per accertamenti dell'Autorità Giudiziaria a seguito dell'investimento di una persona. Si tratta dell'ennesimo investimento mortale sulla Torino-Milano.

Poco dopo le 10 di oggi, mercoledì 7 dicembre, una persona è stata investita da un treno, il Tgv 9244, a Novara, all'altezza del passaggio a livello, regolarmente chiuso, di via Marconi.

Secondo le prime informazioni la vittima sarebbe una donna. Ancora da ricostruire la dinamica dell'accaduto. Sul posto sono intervenuti i soccorsi e le forze dell'ordine, per i rilievi di rito.

Il primo treno a fermarsi, a Novara, è stato il 9702 da Venezia S.L. (06:20) a Torino P.N. (10:50) dalle 9.55. Ritardi complessivi dei treni nella zona anche fino a due ore.

Dalle 12.40 è ripresa la circolazione ferroviaria tra Novara e Vercelli (linea convenzionale Torino – Milano) dopo l’investimento di una persona, all’altezza di un passaggio a livello regolarmente chiuso, fra Novara e Ponzana. I treni hanno registrato ritardi fino a 120 minuti.

Altri disagi, rallentamenti e ritardi si sono registrati nella prima mattinata nella tratta Chivasso-Alessandria dove il treno regionale 10375 alle 6.30 si è fermato con un problema alla linea di alimentazione aerea danneggiata. I viaggiatori sono stati fatti scendere e portati alla stazione di Chivasso dove, con taxi messi a disposizione da Trenitalia, hanno proseguito verso Alessandria. 

Dalle 8.10 è ripreso il traffico ferroviario, a senso unico alternato, tra Chivasso e Livorno Ferraris, linea convenzionale Torino – Milano. I treni hanno registrato ritardi fino a 150 minuti.
 

Il tabellone con i ritardi a Porta Susa

orari tabellone treni porta susa-2

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Persona sotto un treno, traffico ferroviario in tilt

TorinoToday è in caricamento