Cronaca Madonna di Campagna / Strada dell'Aeroporto

Esposto per la strada della morte "Ora basta con gli incidenti"

Il comitato di Barriera Lanzo ha inviato un dossier alla prefettura per segnalare tutti i sinistri avvenuti negli ultimi anni. Nel mirino anche i campi nomadi abusivi

Basta morti, basta sinistri. Il terrificante incidente di strada dell’Aeroporto che è costato la vita ad una bambina di appena due anni ha convinto i residenti del quartiere Barriera Lanzo ad avviare una protesta contro le istituzioni e le forze dell’ordine. Parliamo di un comitato spontaneo che chiede alla prefettura lo sgombero dei campi nomadi abusivi oltre alla messa in sicurezza dell’intersezione tra strada Bellacomba e strada dell’Aeroporto, al momento completamente priva degli attraversamenti pedonali. “Abbiamo segnalato il caso alle autorità competenti perché riteniamo sia davvero grave” racconta uno dei membri del comitato.

In una missiva di fuoco il quartiere ha chiesto i lavori per l’impianto di illuminazione scadente e provvedimenti per quello stradone regolato da un solo semaforo. Tanti i problemi delle persone che usufruiscono della linea 69 del Gtt. “Chi aspetta l’autobus alla pensilina vicino all’accampamento irregolare è vittima ogni giorno di scippi o di lanci di sassi da parte dei bambini” si legge nella denuncia indirizzata alla Procura. Per questo i cittadini hanno chiesto di spostare la fermata e ovviamente di metterla in sicurezza.

Nel calderone non potevano mancare anche i fumi che si alzano ogni notte dai tre campi, al confine tra Torino e Borgaro. In particolare dai due abusivi. Il primo si trova all’altezza di strada Bellacomba dove tra roulotte e rifiuti vivono circa 150 persone. Ma lungo la strada provinciale si può trovare anche un secondo insediamento che sta crescendo giorno dopo giorno. Un degrado a cui l’amministrazione dovrà, prima  o poi, dire basta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esposto per la strada della morte "Ora basta con gli incidenti"

TorinoToday è in caricamento