rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca

Inchiesta Borsalino: sequestrati beni per 63 milioni di euro a Marco Marenco

Crack miliardario, l'imprenditore è accusato di aver sottratto oltre 900 milioni di euro ai patrimoni delle 175 aziende del proprio impero economico-finanziario

Maxi sequestro di ville, terreni e conti correnti per un importo di 63 milioni di euro per Marco Marenco, l'imprenditore astigiano patron dello storico marchio di cappelli Borsalino.

L’operazione della Finanza arriva a seguito delle indagini sul crack da tre miliardi e mezzo che ha portato mesi fa all’arresto dell’imprenditore accusato di aver sottratto oltre 900 milioni di euro ai patrimoni delle 175 aziende del proprio impero economico-finanziario. Il crack societario è secondo in Italia solo a quello della “Parmalat”. 

Tra i beni sequestrati anche due ville di lusso a Como e Campione d'Italia, che erano fittiziamente intestate a società del Liechtenstein, molti terreni nel Comasco e alcuni milioni di euro depositati sui conti correnti personali e societari riconducibili a Marenco.

Il proprietario di Borsalino è finito in manette nel luglio 2015, dopo che il pm di Asti, Luciano  Tarditi, era riuscito a ottenerne l'estradizione dalla Svizzera con l'accusa di bancarotta fraudolenta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Borsalino: sequestrati beni per 63 milioni di euro a Marco Marenco

TorinoToday è in caricamento