rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

Torinese morta in ospedale strappandosi la mascherina e cadendo, 26 indagati tra medici e infermieri

Era in terapia intensiva per il coronavirus

Una torinese 52enne, Brigida Ranno, dipendente di una ditta di scodellamento pasti nelle mense scolastiche, è morta lo scorso 10 marzo 2021 all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli, dove era stata trasferita dal Gradenigo di Torino in seguito all'aggravamento delle sue condizioni di salute a causa del coronavirus.

Per la vicenda la procura di Vercelli ha aperto un'inchiesta con 26 indagati, perlopiù medici e infermieri, con l'accusa di omicidio colposo. Si sta cercando di capire il motivo per cui, secondo una prima ricostruzione, la donna si sarebbe risvegliata dalla sedazione, si sarebbe staccata il tubo dello ossigeno e sarebbe caduta a terra. Tutto sarebbe stato mostrato da un video interno che è stato acquisito dagli investigatori: emergerebbero carenze da parte del personale nel soccorrerla in tempi brevi.

Brigida Ranno era finita all'ospedale di Vercelli perché in quelli di Torino non c'erano posti di terapia intensiva in cui trasferirla. I suoi familiari sono rappresentati dall'avvocato Andrea Cagliero.

Segui la pagina Facebook di TorinoToday per essere aggiornato sulle notizie di Torino e provincia 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torinese morta in ospedale strappandosi la mascherina e cadendo, 26 indagati tra medici e infermieri

TorinoToday è in caricamento