Cronaca

Falsi incidenti per truffare le assicurazioni: aperta inchiesta

La polizia e la Procura hanno aperta un'inchiesta su alcuni incidenti fasulli messi in atto per frodare le assicurazioni. Tra i quasi 200 indagati medici, avvocati, periti e carrozzieri

Falsi incidenti stradali per frodare le assicurazioni: è partita una inchiesta di polizia e procura di Torino in cui ci sono 158 persone indagate. Nei giorni scorsi il pm Gabriella Viglione ha cominciato a notificare l'avviso di chiusura indagini, l'atto con cui annuncia l'intenzione di chiedere il rinvio a giudizio. Fra gli indagati ci sono medici accusati di aver prodotto falsi certificati, avvocati, periti e carrozzieri che gonfiavano danni minimi o inesistenti, responsabili di scuole guida e agenzie di pratiche auto; per la maggior parte, comunque, si tratta di persone che si prestavano a firmare i moduli di constatazione amichevole.

Al centro di tutte le truffe figura un uomo, Pio D.G., indicato dagli inquirenti come l'uomo che coordinava il meccanismo della frode. La pm Viglione contesta, a seconda delle posizioni dei singoli indagati, l'associazione per delinquere e la truffa. Il danno complessivo, secondo i calcoli degli investigatori, non è inferiore ai sei milioni di euro. L'inchiesta, chiamata "Operazione Sistema", nel giugno del 2010 era sfociata in venticinque ordini di custodia cautelare. (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falsi incidenti per truffare le assicurazioni: aperta inchiesta

TorinoToday è in caricamento