Cronaca Vanchiglia / Corso Brianza

A fuoco la panchina del clochard Ollie: tra le ipotesi, il folle gesto di una banda di giovani

I residenti hanno cercato di salvare dalle fiamme le sue poche cose. Invano

Oliviero non ha più la sua panchina. Il clochard di corso Brianza è rimasto senza "la sua dimora": già, perchè qualcuno la scorsa notte ha pensato bene di darle fuoco. E fra le fiamme sono finite le poche cose di Ollie: qualche vestito, piccoli ricordi e i disegni che amava fare e regalare a chi gli mostrava amicizia. Lui sta bene: quando il rogo è divampato avvolgendo la sua panchina, non c'era, forse si trovava al supermercato vicino e oggi non sa spiegarsi cosa sia successo.

Alcuni residenti, quando hanno avvistato le fiamme, dopo aver chiamato i vigili del fuoco, hanno cercato di salvare le sue cose. Invano. Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti, il gesto folle di una banda di giovani, già segnalata nella zona per altri incendi. Ma nulla è certo: sono supposizioni.

In molti si chiedono chi possa essere stato a rendersi protagonista di questo brutto episodio e se, magari, non si sia trattato di un incidente: un mozzicone di sigaretta o chissà. Ora Ollie non ha più la sua panchina, che forse era poca cosa in queste notti gelide, ma rappresentava comunque la sua "isola felice". Non ha più la sua panchina, ma per fortuna gli amici restano. Nel quartiere, tanti residenti, nel tempo, si sono presi cura di lui. Con un pasto caldo, un maglione o una coperta per le notti più fredde. O anche solo qualche chiacchiera, che tira su il morale. Amici che sono rammaricati e dispiaciuti per questo gesto, che anche fosse fatto con la leggerezza tipica della gioventù, non giustifica i colpevoli. In alcun modo.     

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A fuoco la panchina del clochard Ollie: tra le ipotesi, il folle gesto di una banda di giovani

TorinoToday è in caricamento