Attacco a un furgone della polizia penitenziaria: uomo appicca incendio e taglia tutte le gomme

Bravata o atto intimidatorio?

Il furgone della polizia penitenziaria incendiato e vandalizzato

Un furgone blindato della polizia penitenziaria di Saluzzo, di stanza presso il carcere Morandi, è stato dato alle fiamme da ignoti, che hanno anche tagliato gli pneumatici, la sera di martedì 12 febbraio 2019 in via Pinerolo a Cavour, dove gli agenti si erano fermati per una veloce cena nella pizzeria Al Cartoccio Due dopo avere trasportato un detenuto (un 38enne che sta scontando una condanna per mafia e che è stato trasferito nel carcere di Terni) all'aeroporto di Caselle Torinese.

A lanciare l’allarme sono stati alcuni passanti che hanno visto uscire le fiamme da sotto il furgone, parcheggiato di fronte al locale. Gli stessi quattro poliziotti (che nel frattempo erano stati avvisati da un passante), con alcuni estintori in dotazione, e i vigili del fuoco sono intervenuti per spegnere l’incendio. Sulla vicenda indagano i carabinieri di Pinerolo. L'ipotesi preponderante è che si sia trattato di una bravata. Più difficile quella dell'atto intimidatorio verso la polizia penitenziaria o, ancora, che si tratti di un piromane psicopatico. Gli investigatori hanno trovato uno straccio imbevuto di liquido infiammabile. Testimoni hanno visto un uomo scappare via subito dopo l'accaduto.

La polizia penitenziaria, invece, ha aperto un'inchiesta interna sui quattro agenti, in quanto il regolamento prevede che il mezzo non possa mai essere lasciato incustodito.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Mancano le autorizzazioni per vendere: chiusa la panetteria del centro commerciale

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

Torna su
TorinoToday è in caricamento