rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Cronaca Lucento / Corso Lombardia

Corso Lombardia: bocciofila distrutta da un misterioso rogo

Ignoti hanno appiccato un incendio che ha distrutto un magazzino ed uno studio. Le forze dell'ordine stanno indagando su quello che è un episodio inquietante e dai contorni poco chiari. Rammarico da parte della circoscrizione

Ancora roghi alle bocciofile della città. Stavolta l’emergenza incendi si è spostata da Barriera di Milano al quartiere Vallette. Un magazzino ed un ufficio sono stati distrutti dal fuoco appiccato da ignoti. In cenere sono finiti anni di lavoro e tutto apparentemente senza alcuna ragione logica. Il rogo ha semi distrutto la bocciofila di corso Lombardia 110.

Una brutta notizia per i soci della struttura. Ad avvisare i frequentatori del centro ci hanno pensato alcuni residenti della zona svegliati dalle fiamme e dalla puzza di fumo. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco oltre ai carabinieri, la scientifica e i vigili urbani della circoscrizione Cinque. Il fuoco ha danneggiato seriamente uno dei due locali in mano agli anziani da oltre vent'anni.

Alle forze dell'ordine toccherà capire cosa abbia portato al rogo. E mentre i soci escludono che sia stato un corto circuito a provocare l'incendio nella zona si fa avanti l'ipotesi del dolo. “Dal frigorifero è sparito del cibo. E questo non è certo il primo atto vandalico che si verifica dalle nostre parti – spiega Angiolina Marassi, presidente della società bocciofila pensionati di Lucento -. Con tutta probabilità qualcuno è entrato dentro il nostro centro, prima per rubare e poi purtroppo per appiccare il fuoco. Ma è davvero difficile capire i motivi, io personalmente non ne ho la minima idea”. In fumo sono andati numerosi strumenti di lavoro senza contare le cassette degli attrezzi, le bocce, i medicinali, sedie e tavolini vari.

Rogo bocciofila corso Lombardia

L'incendio di corso Lombardia ha scosso anche la presidente della circoscrizione Cinque Paola Bragantini che ha immediatamente espresso solidarietà agli anziani coinvolti in una vicenda dai contorni ancora poco chiari. “Dopo il caso della Continassa e il rogo alle auto dei vigili siamo di fronte ad un terzo episodio – dichiara Bragantini -. I soci del centro hanno sempre lavorato con dedizione, sono una colonna portante del quartiere e non riesco proprio a capire chi abbia voluto giocar loro questo tiro mancino”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corso Lombardia: bocciofila distrutta da un misterioso rogo

TorinoToday è in caricamento