Gettano cenere ardente in un cassonetto dei rifiuti: divampa un incendio che distrugge un laboratorio

Lunghe operazioni di spegnimento

L'incendio divampato nel laboratorio di via Moncenisio a Sant'Antonino di Susa

Un laboratorio di restauro di mobili è stato devastato da un incendio divampato nella tarda serata di ieri, mercoledì 13 febbraio 2019, in via Moncenisio 120 a Sant'Antonino di Susa.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Susa, che hanno lavorato a lungo per spegnere le fiamme (le operazioni sono andate avanti fino all'1 di oggi e hanno visto impegnati il distaccamento di Susa e i volontari di Borgone di Susa e Sant'Antonino di Susa), alcune ambulanze (anche se in realtà nessuno è rimasto ferito) e i carabinieri della compagnia di Susa, a cui competono le indagini sull'accaduto.

Dai primi riscontri l'incendio è partito da un cassonetto dei rifiuti in cui qualcuno ha gettato della cenere da camino che, evidentemente, non era ancora stata del tutto spento. Nell'incendio sono andati distrutti anche cinque cassonetti dei rifiuti. Il magazzino è di proprietà di un 60enne italiano di Vaie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • L'eclissi penombrale della Luna Fragola: questa sera il vero spettacolo è nel cielo

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

Torna su
TorinoToday è in caricamento