Cronaca Campidoglio / Piazza Risorgimento

Festa in piazza Risorgimento, dopo 10 mesi riapre il rifugio antiaereo

All'inaugurazione hanno preso parte l'assessore al Bilancio del Comune Passoni e il presidente della Quattro Claudio Cerrato. Iren ha contribuito a mettere in sicurezza tutte le gallerie

Fotografie di Gabriele Bolognesi

E’ rimasto chiuso al pubblico per dieci mesi a causa delle infiltrazioni che hanno provocato un guasto all’impianto elettrico. Ma da questa mattina, grazie all’intervento della Città di Torino e di Iren, il rifugio antiaereo di piazza Risorgimento, tra i più grandi per dimensioni grazie ad una superficie di 700 metri quadri, è tornato perfettamente agibile. All’inaugurazione nel quartiere Campidoglio hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore al Bilancio del Comune Gianguido Passoni, il presidente della circoscrizione Quattro Claudio Cerrato e il gruppo Iren che con il suo intervento ha ripristinato il quadro elettrico, tutte le linee di alimentazione degli impianti di illuminazione interna, gli impianti elettrici di emergenza e l’impianto di evacuazione.

La riapertura del rifugio consentirà dunque al Museo diffuso della Resistenza di riprendere i suoi percorsi, evento che prenderà corpo a partire dal prossimo mese di aprile. In aggiunta verranno proposti nuovi progetti, nuove attività educative e un evento espositivo di approfondimento sul tema dei danni di guerra. “I percorsi nei luoghi di memoria servono per riscoprire la città – ha precisato il presidente Cerrato -. Il nostro obiettivo è quello di portare gli studenti a rendersi conto di come si è evoluta l’Italia in tutti questi anni”.

Riaperta nel 1995 dopo una lunga parentesi la struttura di piazza Risorgimento risulta essere uno dei ricoveri pubblici costruiti a cura del Comune con cemento armato e importanti tecniche antibomba. Tre sono le gallerie parallele che lo rappresentano, larghe quattro metri e mezzo e lunghe 40. Collegate una con l’altra da otto passaggi. “Rappresenta senza ombra una delle tracce più interessanti della nostra città - ha ribadito l’assessore Passoni -. Questi siti, troppo spesso dimenticati, hanno una loro identità e riscoprirli significa dare valore alla storia e a ciò che è stato”. La riapertura sarà anche l’occasione per annunciare l’elaborazione di un terzo percorso sulla storia dei bombardamenti in città, alla riscoperta delle tracce lasciate dalle bombe nel tessuto urbano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa in piazza Risorgimento, dopo 10 mesi riapre il rifugio antiaereo

TorinoToday è in caricamento