Cronaca Centro / Via Giuseppe Garibaldi, 13

Riapre il cinema Garibaldi: i restauri portano alla luce un'antica chiesa

Lo storico cinema Garibaldi, che dal 1907 era presente in via Garibaldi 13, è stato riaperto: sotto la pavimentazione sono stati scoperti i resti dell'antica chiesa dei santi Simone e Giuda

Era uno il più antico cinema di Torino, sito nel cuore storico della città: quella via Dora Grossa che aveva già cambiato nome in via Garibaldi. E da qui il nome, appunto, di cinema Garibaldi. In precedenza i locali erano occupati dall'antico albergo San Simone, che a sua volta sorgeva sui resti di una vetusta chiesa, dedicata - per l'appunto - ai santi Simone e Giuda Taddeo. Una chiesa che si pensava completamente scomparsa nel Settecento, ma che invece è stata ritrovata. Non molto, ma di sicuro abbastanza per rispolverare antiche memorie annalistiche della storia torinese. Con una "chicca": un capitello di età romana che risale al II Secolo dopo Cristo, probabile ricordo di quando, in questo angolo di Torino, vi era il foro cittadino.I resti della chiesa dei Santi Simone e Giuda

Ora, finiti i restauri, le fondamenta della chiesa saranno visibili grazie ad una vetrata nei locali del nuovo cinema Garibaldi, riportato agli antichi fasti grazie all'interessamento del Centro Studi Sereno Regis, che ha restaurato i gloriosi locali con una raccolta fondi popolare e con il sostegno della Compagnia di San Paolo. Il centro studi, nato nel 1982, promuove la cultura della nonviolenza raccogliendo il patrimonio di conoscenze ed esperienze dei movimenti nonviolenti del territorio.

Saranno due le nuove sale riportate alla bellezza di un tempo dai restauri, costati 400mila euro: ospiteranno proiezioni, naturalmente, ma anche stage, mostre, corsi, concerti, seminari, tutti incentrati in particolar modo sulla non violenza. La sala principale sarà intitolata a Gabriella Poli, prima donna capocronista in Italia.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapre il cinema Garibaldi: i restauri portano alla luce un'antica chiesa

TorinoToday è in caricamento