menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I carabinieri gli chiedono i documenti, lui reagisce aggredendoli

Lo spacciatore gabonese aveva pensato di farla franca ma i militari hanno scoperto la sua residenza, in Barriera di Milano

Ha fornito un errato indirizzo di casa al momento dell'arresto per spaccio ma nonostante tutto non è riuscito a farla franca. Un pusher gabonese di 26 anni è finito nei guai, pizzicato dai carabinieri di Torino che hanno scoperto il suo covo, in via Lombardore. L'uomo aveva reagito male ad una richiesta di controllo dei documenti, aggredendo le forze dell'ordine.

Nella sua abitazione, nel quartiere Barriera di Milano, sono state sequestrate numerose dosi di hashish che il giovane vendeva ogni giorno lungo le vie del Centro. I militari hanno quindi sequestrato anche 15 involucri in cellophane, di varie dimensioni, contenenti 200 grammi di eroina, 1.755 euro in contanti, un bilancino di precisione e un coltellino usato per il taglio dello stupefacente. Il giovane è poi stato arrestato.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento