Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Nizza Millefonti / Corso Unità D'Italia

Il laghetto di Italia '61 è a secco. "Ma presto l'acqua tornerà".

Da settembre il laghetto simbolo di Italia '61 è a secco: il problema del suo degrado è stato discusso recentemente in consiglio di Circoscrizione Nove. Presto però l'acqua tornerà.

È a secco da mesi. Il laghetto di Italia ’61 non se la passa certo bene: da settembre è all’asciutto, in una situazione decisamente poco decorosa, considerando l’importanza che l’area di Italia ’61 riveste per la Circoscrizione Nove e per Torino. Il laghetto è poi all’accesso della città: non certo una bella pubblicità, né un buon biglietto da visita, soprattutto sommando la sua situazione a quella di trascuratezza che domina l’area dell’ex Palazzo del Lavoro, ridotto ad una specie di giungla, nella quale è abbandonata una vera discarica.

Le condizioni delle fontane circoscrizionali sono finite sul banco dell’ultimo consiglio della Nove, oggetto di un ordine del giorno firmato dai consiglieri Lorenzo d’Agostino e Maria Elena Tufaro. Senz’acqua è anche la fontana dei giardini Levi: a tal proposito, il coordinatore all’urbanistica Massimiliano Miano ha ricordato: “Le fontane sono purtroppo un argomento a se stante, perché dipendono dalla Provincia”. Ed è vero che molte di esse rimangono all’asciutto perché mancano i fondi.

Per il laghetto, invece, il discorso è diverso. L’ordine del giorno, approvato trasversalmente, coglie infatti un problema serio, sotto gli occhi di tutti: la trascuratezza nella quale è tenuto il lago. Non solo adesso che è vuoto: anche quando è pieno, come ha sottolineato il consigliere Cesare Carbonari, il piccolo specchio d’acqua si riempie di rifiuti di ogni genere. Insomma, una trascuratezza che potrebbe essere evitata con un po’ di manutenzione o di pulizia aggiuntiva.

Nel caso attuale, il laghetto vedrà presto, nuovamente, i tempi di splendore. L’acqua tornerà nel giro di un mese: “Il bacino sarà di nuovo colmato entro marzo – ha spiegato il coordinatore al verde Rosario Borello – nel caso attuale, è stato svuotato per permettere la pulizia dalle foglie morte delle piante, come si fa ogni anno. Per la primavere comunque il laghetto sarà nuovamente in funzione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il laghetto di Italia '61 è a secco. "Ma presto l'acqua tornerà".

TorinoToday è in caricamento